Cart

Barbaresco DOCG

I migliori Barbaresco DOCG

Di seguito sono riportati i migliori Barbaresco DOCG del 2011 secondo le principali guide enologiche.

Migliori vini Barbaresco secondo la Guida ai Vini d'Italia Gambero Rosso ( Barbaresco Tre Bicchieri 2011 ) : 

Barbaresco DOCG - Camp Gros - Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy - annata 2006

Barbaresco DOCG - Ovello Vigneto Loreto - Albino Rocca - annata 2007

Barbaresco DOCG - Pora - Ca' del Baio - annata 2006

Barbaresco DOCG Riserva - Sottimano - annata 2005

Barbaresco DOCG - San Stefanetto - Piero Busso - annata 2007

Barbaresco DOCG - Sorì Paitin - Paitin - annata 2007

Barbaresco DOCG - Vigneto Manzola - Fiorenzo Nada - Annata 2006

Barbaresco DOCG - Vanotu - Pelissero - annata 2007

Barbaresco DOCG - Vigneti Montestefano Riserva - Produttori del Barbaresco - annata 2005

Barbaresco DOCG - Vigneti Starderi - La Spinetta - annata 2007 

I migliori Barbaresco DOCG secondo la Guida Duemilavini AIS 2011 :

Barbaresco 2007 Gaja

Barbaresco Bric Balin 2007 Moccagatta

Barbaresco Camp Gros Martinenga 2006 Tenute Cisa Asinari Marchesi di Gresy

Barbaresco Cottà 2007 Sottimano

Barbaresco Morassino 2007 Cascina Morassino

Barbaresco Ovello Vigna Loreto 2007 Albino Rocca

Barbaresco Pora Riserva 2005 Produttori del Barbaresco

Barbaresco Santo Stefano 2007 Castello di Neive

Barbaresco Santo Stefano 2007 Bruno Giacosa

Barbaresco Sorì Burdin 2007 Fontanabianca

Barbaresco Valeirano 2007 La Spinetta

Barbaresco Vanotu 2007 Pelissero

Leggi tutto...

Vino Barbaresco DOCG

La produzione di questa docg avviene con il vitigno Nebbiolo (sottovarietà lampia, michet, rosè) e con una resa per ettaro mai superiore alle 8 tonnellate. Il titolo alcolico deve superare i 12,5% ma grazie alle accurate lavorazioni, sia in vigna che in cantina, si fa presto a superarlo. Il disciplinare di produzione del vino Barbaresco docg prevede un periodo di affinamento minimo di 26 mesi, 50 mesi per la versione riserva. Ci troviamo di fronte ad una delle più belle realtà enologiche del nostro Paese. La vite trova la sua migliore collocazione intorno ai 350-400 metri sul livello del mare. I prodUttori devono fare i conti con le difficili condizioni climatiche, gelate tardive e le prime nebbie autunnali sono i pricncipali pericoli per la produzione di questo favoloso vino. I diversi terreni argillosi-calcarei danno luogo a vini molto diversi l'uno dall'altro, strutturati nella zona di Treiso, fini quelli di Neive, destinati all'affinamento i vini prodotti nella zona di Barbaresco. Granato con sfaccettature aranciate bouquet ampio ed avvolgente. Confetture, frutta rossa matura, il legno conferisci note di noce moscata e cannella, liquirizia e cuoio. Sempre vellutato e mai spigoloso, con il passare del tempo il vino acquista morbidezza sorretto da un a struttura degna di un grande vino. I suoi piatti preferitio sono le carni ricche di profumi e sapori, ma anche abbinamenti elaborati fatti con trartufi e selvaggina, formaggi stagionati o servito da solo.

Leggi tutto...

Info Vini delle Regioni Italiane

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.