Cart

prodotti tipici delle marche

Vino di visciola o vino di visciole: vino tipico marchigiano

Il vino di visciola, detto anche vino di visciole o vino visciolato, è una bevanda aromatizzata alcolica (14°-15° gradi di alcool) a base di visciole, una varietà di amarene (spesso selvatiche) molto diffuso in tutte la regione Marche. 

Il vino aromatizzato alle visciole può essere prodotto in due modi:

1) Tramite la preparazione di uno sciroppo a base di amarene e zucchero, poi fatte fermentare nel mosto.
2) Tramite macerazione di amarene nel vino, con aggiunta di zucchero. 

Per quanto riguarda la prima lavorazione, la più tipica e particolare, le visciole ben mature sono messe con una percentuale ben definita di zucchero, al sole per 50 giorni su delle damigiane di vetro, mescolando giornalmente fino ad ottenere uno sciroppo. Successivamente, intorno alla metà di Settembre e i primi di Ottobre, sono riposte in un luogo fresco e al riparo dal sole. Al momento della vendemmia lo sciroppo e le visciole si aggiungono al mosto e si lasciano fermentare insieme, girandole frequentemente fino metà Febbraio-primi di Marzo. A questo punto il frutto viene espulso dal vino, che viene messo in piccole botti di legno per terminare la sua maturazione ed eventuale fermentazione. Nel mese di Settembre successivo avviene il processo di filtrazione e imbottigliamento.

Si tratta di un prodotto tipicamente marchigiano, soprattutto delle provincie di Ancona (Vallesina) e di Pesaro Urbino (Montefeltro). E' un vino non troppo dolce, con un retrogusto piacevolmente amarognolo, vino da degustazione e da dessert, indicato nell'abbinamento con pasticceria secca (cantucci e vino di visciole sono un'accoppiata formidabile), ciambelloni (dolce tipico marchigiano) e gelato. Un vino da assaporare e gustare in compagnia, ritrovando così quei sapori che con il tempo si erano persi.



Cantucci e vino di visciola

Alcune tradizioni popolari definiscono il vino di visciola elisir da corteggiamento, perché saprebbe catturare le pupille gustative delle donne grazie alla sua particolare rotondità e freschezza. Per la limita quantità prodotta si può definire: “tesoro patrimoniale da tutelare”. 

Zone di produzione: Marche
Colore: Rosso rubino intenso, con sfumature violacee
Sapore: Armonico, dolce fruttato, con retrogusto piacevolmente amarognolo
Profumo: Intenso, caratteristico, con sentori di frutta matura
Gradazione alcolica: 14-15 gradi
Abbinamenti: Pasticceria secca, ciambellone (dolce tipico), formaggi stagionati

Puoi comprare il vino di visciole direttamente nella nostra enoteca online. Ecco alcuni dei vini visciolati in vendita nel catalogo online di guida-vino.com :

Vino e Visciole Del Pozzo Buono - Vicari

vino e visciole vicariIl vino aromatizzato alle visciole appartiene da sempre alla tradizione marchigiana. I Vicari ripropongono questa tradizione all'insegna della qualit

Vai al Prodotto

8,64 €
(iva inclusa)

 

Vino Visciolato l 37,5 - Bacco non lo sa - SIGI

VinoeVisciole"Bacco non lo sa" è il nome dionisiaco che l'azienda agricola SI.GI. ha assegnato al proprio vino di visciola , prodotto che la tradizione marchigiana intepreta come "elisir di corteggiamento" perché particolarmente apprezzato dalle donne.

Vai al Prodotto


(iva inclusa)

 

 

Leggi tutto...

Lonza di fico: dolce tipico marchigiano

Il nome di questo dolce tipico delle Marche non tragga in inganno: non si tratta dell'ennesima azzardata commistione di sapori. Della lonza (o del salame per i prodotti di dimensioni più ridotte) questo dolce marchigiano ha solo l'aspetto e la forma di conservazione.

Leggi tutto...

Cicerchia di Serra de' Conti e Festa della Cicerchia

Un tempo era talmente diffusa, soprattutto nelle fasce più umili della popolazione, da essere definita il "cibo dei poveri", e questo grazie alla sua alta resa per ettaro e alla capacità di crescere in condizioni climatiche avverse, persino in simbiosi con altre colture - quali ad esempio il mais - alle quali non sottrae in maniera significativa le sostanze nutritive del terreno condiviso.

Leggi tutto...

Tartufo Bianchetto o Marzuolo - Tuber Albidum Pico

Il nome tartufo Bianchetto deriva dal fatto che il Tuber Albidum Pico può essere confuso col tartufo Bianco pregiato (Tuber Magnatum Pico), con il quale talvolta può crescere in simbiosi, sebbene i periodi di raccolta siano sostanzialmente differenti: la stagione del tartufo bianco pregiato va da Settembre a Gennaio, mentre il periodo di raccolta del tartufo bianchetto va indicativamente da Novembre ad Aprile.

Leggi tutto...
WIKI

Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.