Presidi slow food delle Marche

I presidi slow food sono, come dice il nome stesso, una garanzia a tutela della biodiversità, delle tradizioni e del territorio.

Grazie al progetto "presidi slow food", avviato in Italia nel 1998, si sono potute preservare razze animali, specie vegetali, formaggi, pani e salumi che rischiavano l'estinzione a causa di tecniche di agricoltura, industria alimentare e commercio di tipo massivo.

 

 

 

 

 

Presidi slow food delle Marche:

Presidio Slow Food Cicerchia di Serra de Conti

Presidio Slow Food Lonzino di fico

Presidio Slow Food Mele rosa dei Monti Sibillini


Presidio Slow Food Mosciolo selvatico di Portonovo

Presidio Slow Food Salame di Fabriano


Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.