Cart

Cantine Aperte 2017: il 27 e 28 maggio si festeggia la 25esima edizione

  • Pubblicato in News

È iniziato il conto alla rovescia per l'inizio di Cantine Aperte 2017, la consueta manifestazione organizzata dal Movimento Turismo del Vino in tutte le regioni d'Italia e che quest'anno si terrà sabato 27 e domenica 28 maggio.

Con più di 800 cantine aderenti e oltre un milione di enoturisti previsti in questa edizione, Cantine Aperte rappresenta l'evento enoturistico più importante del nostro paese, capace di registrare ogni anno numeri importanti in quanto a partecipazione. Da 25 anni il fulcro dell'iniziativa consiste nella possibilità, per appassionati, turisti e curiosi, di vivere per un giorno il mondo del vino dall'interno, scoprendo il lavoro, le persone e i luoghi che si nascondono dietro ogni etichetta di vino. Si tratta, però, anche di un'occasione ulteriore per i produttori, dopo la recente esperienza di Vinitaly, di entrare in diretto contatto con i clienti e raccontare la propria storia. Stavolta ospitandoli direttamente "in casa propria".

Cantine Aperte, tuttavia, non prevede soltanto la possibilità di visitare le aziende vitivinicole: gli enoturisti avranno, infatti, anche la possibilità di partecipare ad iniziative legate alla cultura enogastronomica (con degustazioni di prodotti tipici e di abbinamenti tra vino e cibo), alla musica e all'arte, nonché di svolgere attività sportive e a contatto con la natura. Una conferma non soltanto dello stretto legame che nel nostro paese lega vino, cultura e territorio, ma anche della consapevolezza acquisita dai nostri produttori riguardo all'importanza del turismo enogastronomico .

Accanto a quelle già citate, inoltre, numerose saranno le iniziative legate alla solidarietà, come spiegato dallo stesso Carlo Pietrasanta, presidente del Movimento Turismo del Vino: “E’ la solidarietà il fil rouge della 25ª edizione di Cantine Aperte. Infatti, per questo compleanno, il Movimento Turismo del Vino sostiene i territori colpiti dal terremoto con il progetto “Bottiglia Solidale” di MTV Marche, per l’acquisto di un’ambulanza destinata alle zone del sisma. Non solo. La grande festa del vino chiuderà l’iniziativa MTV per Amatrice, la raccolta fondi lanciata nell’appuntamento di settembre mentre prosegue la collaborazione con Airc, l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro, a cui doneremo tutto il ricavato proveniente dalla vendita dei calici griffati Cantine Aperte 25”.
Per quanto riguarda le Marche, anche quest'anno saranno molte le cantine ad aderire alla manifestazione e le iniziative che caratterizzano il prossimo fine settimana nella regione del Verdicchio. Tra i produttori pronti ad accogliere i visitatori e a condurli alla scoperta della propria cantina e dei propri vigneti anche Ceci Enrico di San Paolo di Jesi (AN) e Finocchi Viticoltori di Staffolo (AN).

Leggi tutto...

Pizza di formaggio marchigiana

La Pizza di formaggio è un prodotto marchigiano diffuso in tutta la regione ed è tradizionalmente associata al periodo pasquale, tant'è che viene chiamata anche Pizza di Pasqua, anche se oggi si trova e viene consumata tutto l'anno. Per via della forma è molto simile al panettone, ma non nel gusto: è, infatti, una torta salata cotta al forno che si può mangiare sia da sola sia abbinata ai salumi (come ad esempio un altro prodotto tipico marchigiano, il ciauscolo). 

Leggi tutto...

Premio Angelo Betti 2017 alla Poderi Capecci

La cinquantunesima edizione del Vinitaly si è appena conclusa e per gli addetti ai lavori è tempo di bilanci. Nell'ambito dei riconoscimenti è da segnalare l'assegnazione del prestigioso Premio "Benemeriti della Vitivinicoltura Italiana 2017" – già Premio Cangrande e dal 2016 intitolato all'ideatore del Vinitaly Angelo Betti – all'azienda vinicola Poderi Capecci San Savino di Ripatransone (AP).

La cantina di Simone Capecci è stata premiata in occasione della prima giornata del salone del vino con il premio che dal 1973 viene riconosciuto su base regionale a coloro che con la propria attività abbiano contribuito e sostenuto il progresso qualitativo della produzione viticola ed enologica taliana.

Leggi tutto...

Vinitaly 2017 - Il nostro resoconto

  • Pubblicato in News

Tantissime facce, tantissimi colori. Questa è l'immagine che conserveremo delle giornate che abbiamo trascorso al Vinitaly, il salone dedicato al mondo del vino e dei distillati di cui si è appena conclusa la cinquantunesima edizione. Centinaia di metri percorsi tra gli stand, nuovi vini assaggiati, molte conversazioni stimolanti: abbiamo avuto modo di vivere a pieno l'esperienza che solo un evento come Vinitaly può creare, unendo addetti ai lavori e appassionati come nessun'altra fiera. E questo perché il vino è di tutti.

Il nostro "campo base" alla fiera è stato il padiglione 7, quello dedicato alle Marche, dove ci siamo sentiti subito a casa. Nell'aria si respirava il proverbiale orgoglio dei marchigiani, quello di sentirsi parte di una piccola patria, ricca di storia, cultura e bellezza ma spesso sottovalutata. In un contesto come il Vinitaly, dove sono presenti regioni ben più grandi e famose come il Piemonte e la Toscana (i cui padiglioni hanno dimensioni enormi) sembra che le Marche siano lì per combattere la lotta di Davide contro Golia. In realtà, se si parla di vino, il ruolo delle Marche non è affatto quello di una piccola regione. Lo dimostrano non solo l'affluenza di visitatori a cui abbiamo potuto assistere noi stessi camminando tra gli stand degli espositori che proponevano Verdicchio, Passerina, Pecorino, Rosso Piceno e Rosso Conero, ma anche la vittoria del prestigioso Premio Cangrande 2017, quest'anno ottenuto proprio da una cantina delle Marche, la Poderi Capecci di Ripatransone (AP), tra i produttori che più hanno valorizzato l'eccellenza enoica del Piceno. In generale, possiamo dire con certezza che gli oltre centoquaranta produttori provenienti dalla terra del Verdicchio hanno saputo offrire ai visitatori l'immagine più vera delle Marche del vino, un'immagine fatta di cultura, tradizione e innovazione e che resta tra le espressioni più alte e rappresentative del made in Italy. 

Leggi tutto...

Media & Storytelling : comunichiamo e raccontiamo il vino

La nostra idea di comunicazione viaggia parallela alla nostra idea di E-Commerce : crediamo che il vino e le altre eccellenze enogastronomiche , prima di essere vendute , necessitino di essere comunicate e raccontate. Chi apre una bottiglia deve conoscere il bagaglio di storia , lavoro , persone , territorio che la accompagnano. La pluriennale esperienza nel mondo del web , della comunicazione , dell'editing di video e immagini , ci permette di comunicare questo patrimonio sfruttando la massimo le potenzialità di ogni canale : dal sito web , ai magazine online e cartacei , ai social basati sulla multimedialità come Youtube e Instagram.

Leggi tutto...

Il vitigno Fiano

Il Fiano è un vitigno a bacca bianca dalle origini antichissime e la sua diffusione in Irpinia e in altre zone dell'Italia meridionale è documentata sin dai tempi dell'Imperatore Federico II e di Carlo II d'Angiò.

Leggi tutto...

Vinitaly 2017, ai nastri di partenza la 51ª edizione

  • Pubblicato in News

È ormai iniziato il conto alla rovescia per l'apertura dell'edizione 2017 di Vinitaly, la più importante manifestazione dedicata al mondo del vino e dei distillati che si terrà a Verona dal 9 al 12 aprile. A partire da questa domenica gli enoappassionati avranno la possibilità di vivere quattro giorni alla scoperta dei migliori vini italiani e internazionali e di incontrare addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo. Come sempre sarà un'edizione ricca di protagonisti (oltre 4200 saranno solo gli espositori) e di eventi, anticipata da diverse iniziative targate Vinitaly svoltesi nei giorni e nei mesi scorsi che hanno dato un assaggio di ciò che accadrà a Verona tra una settimana, con tappe di Vinitaly Inernational in America e in Cina e premi come quello internazionale dedicato al Packaging.

Leggi tutto...

Il registro telematico del vino

  • Pubblicato in News

Il prossimo 30 aprile sarà una data importante per molti operatori nel settore vitivinicolo italiano: scadrà, infatti, il termine per il primo trasferimento telematico dei dati dei registri vinicoli. Una scadenza rilevante che riguarda l'attività di oltre 65 mila operatori nel campo vitivinicolo coinvolti nella rivoluzione digitale che il MIPAAF (Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali) e l'ICQRF (Ispettorato Centrale per la Qualità e la Repressione delle Frodi) hanno voluto introdurre nell'ambito della regolamentazione agroalimentare del nostro paese. Un progetto importante (giunto tra i finalisti del Premio Agenda Digitale 2016) che fa capo alla richiesta, avanzata dalle due istituzioni già nel 2015, di un sistema di registrazione telematica delle operazioni di carico e scarico dei prodotti vitivinicoli e che è stato realizzato nell'ambito di un contratto quadro tra il Ministero e la SIN Spa (la società che gestisce il Sistema Informativo Agricolo Nazionale). 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Info Vini delle Regioni Italiane

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.