Cart

Vino Verdicchio dei Castelli di Jesi - Storia, caratteristiche, produttori e vendita online

La storia: Il Verdicchio è il vino per eccellenza della Regione Marche. Quando si parla di Marche nel contesto viti-vinicolo si pensa subito a questo vino, in particolare al Verdicchio dei Castelli di Jesi.

Il Verdicchio è conosciuto in tutto il mondo nell'originale quanto esclusiva bottiglia a forma di anfora, disegnata dall'architetto Maiocchi negli anni '50 per la cantina Fazi Battaglia, con l'idea di valorizzare oltre al vino anche la bellezza e la sinuosità della Regione Marche. La storia di questo vino marchigiano è tuttavia caratterizzata da alti e bassi.
A momenti di vigore negli anni '60, grazie all'enorme quantità esportata, hanno fatto seguito periodi di appannamento nel decennio successivo, dovuti soprattutto alla mancanza di qualità per la grande richiesta sul mercato.

Ha preso poi nuovo vigore a partire dalla metà degli anni '80, grazie all'intuizione di alcune aziende che, studiando ed esaminando cloni di vitigno Verdicchio, sono riuscite ad estrarre un vino dall'enorme personalità e longevità, dandogli un'immagine duratura e consolidata nell'ambiente viti-vinicolo mondiale.

Nel 2009 è arrivata a riconoscere questo successo la DOCG Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva DOCG e per il Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva DOCG.

Vitigno
Zona di produzione
Caratteristiche organolettiche
Abbinamenti
Prezzi e produttori
Vai al catalogo per acquistare

Il vitigno: Per avere la denominazione Verdicchio dei Castelli di Jesi il vino deve essere prodotto con una percentuale minima di questo vitigno autoctono dell'85%. Il restante 15% può essere rappresentato da vitigni quali malvasia toscana o trebbiano toscana, anche se la tendenza ormai unanime è quella di vinificare in purezza.

Le zone di produzione: Molto importanti per la distinzione fra Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico e semplice Verdicchio dei Castelli di Jesi sono le varie zone di produzione: possono vantarsi della menzione Classico solo i vini la cui produzione è avvenuta all'interno della zona più antica. I comuni interessati sono quelli posti sulle vallate a ridosso del fiume Esino delimitate dalla linea che da Ostra-Arcevia scende a sud fino a Cupramontana-Apiro. Al di fuori di questo quadrilatero, considerando anche i comuni di Cingoli, Senigallia e Ostra viene prodotto il Verdicchio dei Castelli di Jesi nella versione "normale".

Tipologie: Le modalità di vinificazione sono diverse e permettono a questo vino di soddisfare una vasta gamma di palati: favorito dalla sua struttura, dal terreno e dalle condizioni microclimatiche può essere prodotto nelle versioni spumante, secco, riserva (minimo 25 mesi di affinamento) e passito.

Le proprietà organolettiche: E' un vino dai grandi profumi e dalle grandi sensazioni. Strutturato, corposo, elegante si presenta di un giallo paglierino con evidenti riflessi verdolini (da qui il nome Verdicchio) che ne evidenziano fragranza, vivacità ed una notevole freschezza. Inizia con decisi profumi di fiori di biancospino e fiori di campo per passare poi ad un fruttato fresco di pesca, mela e lievi ricordi di agrumi. Inconfondibile finale caratterizzato dal retrogusto di mandorla amara. Interessante notare come nella zona classica nella vallata sinistra del fiume Esino si percepiscono notevoli sensazioni minerali per passare ad una maggiore sapidità nei vini prodotti nella vallata opposta.

Abbinamenti consigliati: E' un vino da tutto pasto grazie alla sua struttura e persistenza gusto-olfattiva. Trova il giusto abbinamento soprattutto con pesce in particolare su antipasti, risotti e cotture alla griglia o gratinate. Eccezionale le versioni riserva con coniglio in porchetta, piatto tipico marchigiano.

Come servirlo: Apprezziamo a pieno le caratteristiche gusto-olfattive del vino se servito in calici di media dimensione svasati alla sommità ad una temperatura di 8-10° C.

Le terre del Verdicchio dei Castelli di Jesi:
Cupramontana (AN)
Staffolo (AN)
Jesi (AN)
Montecarotto (AN)
Serra de Conti (AN)
Castelbellino (AN)
Castelplanio (AN)
Maiolati (AN)
San Paolo (AN)
Cingoli (MC)

Feste e Sagre dove si può degustare:
La Sagra del Verdicchio - Staffolo
La Sagra dell'Uva - Cupramontana
La Sagra della Sapa - Rosora
Mostra-mercato dei vini - Montecarotto
Festa della Cicerchia - Serra de Conti

Alcune etichette di Verdicchio dei Castelli di Jesi con i relativi prezzi che puoi acquistare nell'enoteca online di Guida-vino.com:

Verdicchio Jesi Superiore - Vigneto del Balluccio - Tenuta dell'

vignetodelballuccioIl Verdicchio dei Castelli di Jesi Superiore Vigneto del Balluccio della Tenuta dell'Ugolino è un verdicchio di ottima struttura, corpo e persistenza. Premiato ripetutamente con la chiocciola Slow Wine di Slow Food.

Vai al Prodotto

11,20 €
(iva inclusa)

Verdicchio Jesi Riserva - Salmariano - Marotti Campi

salmarinoIl Salmariano è un Verdicchio Riserva di grande corpo, affinato parzialmente in barriques, che può invecchiare anche diversi anni, dal prezzo accessibile nonostante la costante presenza in cima alle guide enologiche.

Vai al Prodotto

9,90 €
(iva inclusa)

Verdicchio Jesi Superiore - Tralivio - Sartarelli

tralivio-bigIl Tralivio è forse una delle etichette di Verdicchio più conosciute e al tempo stesso una delle espressioni più tipiche di questo vitigno. Ricco di alcool e sapidità con acidità che bilancia molto bene la sensazione di morbidezza

Vai al Prodotto

12,00 €
(iva inclusa)

 

 

Video


Vuoi scoprire il Verdicchio in modo piacevole e divertente? Guarda il video nel nostro canale youtube Guidavino Channel :

WIKI

Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.