Albana di Romagna DOCG - Storia, caratteristiche, produttori e vendita Online

La storia Dopo aver ottenuto la DOC nel 1967, l'Albana di Romagna è stato il primo vino bianco italiano ad ottenere la denominazione di origine controllata e garantita DOCG nel 1987.

La presenza del vitigno albana in romagna risale al XV secolo, quando l'agronomo bolognese Pier Crescenzio (Pietro de Crescenzi) ne raccontò le caratteristiche nel trattato Ruralium Commodorum; ancora più antiche sono le tracce della viticoltura intorno al comune di Bertinoro, che coinvolgono personaggi quali il Barbarossa e la figlia dell'imperatore Teodosio Galla Placidia, pur senza citare che il vino da loro apprezzato fosse prodotto col vitigno Albana.

Vitigno Della storia del vitigno Albana come autoctono romagnolo di lunga data abbiamo già detto, anche se nell'Ottocento alcuni ampelografi avanzarono l'idea che si trattasse di una varietà di Trebbiano toscano o di Ugni Blanc della Provenza. Se l'Albana gentile di Bertinoro è senz'altro il clone più conosciuto, se ne menzionano diversi altri quali l'Albana della Serra, l'Albana della Compadrana, l'Albana della Bagarona e l'Albana della Gaiana, caratterizzati soprattutto da diverse dimensioni dei grappoli e quindi da diverse proprietà organolettiche dei vini che ne vengono prodotti.

Zona di produzione La zona di produzione del vino Albana di Romagna DOCG riguarda comuni delle provincie di Bologna, Ravenna e Forlì-Cesena. Fra i comuni più significativi si possono citare Bertinoro, nella provincia di Forlì-Cesena, per la tipologia dolce e passito e Dozza, in provincia di Bologna, per la tipologia amabile. Il faentino è invece più famoso per la produzione dell'Albana di Romagna nella versione secca.

Proprietà organolettiche Le proprietà organolettiche variano molto in base alla tipologia considerata: Albana di Romagna DOCG Secco, Albana di Romagna DOCG Amabile, Albana di Romagna DOCG Doce e Albana di Romagna DOCG Passito. L'Albana secco presenta bagliori verdognoli, la nota predominante all'olfatto è il fiore di limone e il grado alcolico si aggira sugli 11,5°. L'Albana dolce ha riflessi dorati, la nota predominante all'olfatto è la rosa canina e il grado alcolico supera i 12° per arrivare oltre i 15° con il passito.

Abbinamenti consigliati L'Albana di Romagna DOCG secco si abbina bene a primi piatti delicati e cucina di pesce, specialmente a base di pesce azzurro. L'Albana di Romagna è un vino da tutto pasto, mentre il dolce è un vino da dessert. Infine l'Albana di Romagna passito è un vino da fine pasto, al limite accompagnato da formaggi come il Gorgonzola o il Roquefort.

Alcuni Albana di Romagna che puoi acquistare online li trovi nella nostra enoteca online:

Albana di Romagna Passito Riserva - AR - Fattoria Zerbina

AR1AR di Fattoria Zerbina è un vino estremo , a partire dal numero di bottiglie e dal prezzo. Nato per primeggiare e confrontarsi con le selezioni alsaziane e tedesce , nel 2011 viene giudicato miglior vino dolce italiano dal Gambero Rosso. Dopo nove anni di raccolte destinate a Scaccomatto, questo vino vede la sua prima vendemmia nel 1995; è nato dalla volontà di confrontarsi con un modello che per noi è un esempio costante da perseguire: le grandi “sélections des grains nobles” alsaziane e tedesche; la prima annata prodotta in soli 150 esemplari, nasce in un millesimo dove peraltro non si è potuto vendemmiare alcuna selezione destinata allo Scaccomatto.

Vai al Prodotto


(iva inclusa)

Albana di Romagna DOCG Passito - Arrocco - Fattoria Zerbina

ARROCCO1Fratello minore del passito Scaccomatto, l'Arrocco viene prodotto principalmente con vine affette naturalmente da muffa nobile, più piccole aggiunte di uve appassite in cassetta. Vinificazione e affinamento parte in barriques e parte in acciaio.

Vai al Prodotto


(iva inclusa)

WIKI

Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.