Presidi slow food della Liguria

I presidi slow food sono, come dice il nome stesso, una garanzia a tutela della biodiversità, delle tradizioni, del territorio.

Grazie al progetto "presidi slow food", avviato in Italia nel 1998, si sono potute preservare razze animali, specie vegetali, formaggi, pani e salumi che rischiavano l'estinzione a causa di tecniche di agricoltura, industria alimentare e commercio di tipo massivo.

Presidi slow Food della Liguria: 

Presidio slow food Aglio di Vessalico


 

Presidio slow food Asparago Violetto di Albenga

 

Presidio Slow Food Carciofo di Perinaldo

 

Presidio Slow Food Castagna essiccata nei tecci di Calizzano e Murialdo

 

Presidio Slow Food Chinotto di Savona

 

Presidio Slow Food Pesca artigianale del golfo di Noli

 

Presidio Slow Food Fagioli di Badalucco, Conio e Pigna

 

Presidio Slow Food Formaggio Tome di Pecora Brigasca

WIKI

Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.