Reimposta tutto
Cart
zoom

Sassicaia 2012 - Tenuta San Guido

Produttore Tenuta San Guido
Prezzo di vendita199,00 €
(iva inclusa)
Denominazione
Bolgheri DOC
Vitigni
Cabernet Sauvignon
Vitigni impiegati per la produzione di questo vino
Cabernet Franc
Vitigni impiegati per la produzione di questo vino
Annata
2012
Formato
75
Tipologia
Rossi
Regione
Toscana
Informazioni sul produttore
Tenuta San Guido è situata a Bolgheri, una frazione del comune di Castagneto Carducci (LI) e la sua storia è legata a una delle più prestigiose eccellenze vinicole italiane: il Bolgheri DOC Sassicaia, di cui l'azienda è produttore esclusivo. L'origine di questo vino rosso straordinario è nell'intraprendenza e nello spirito pionieristico del marchese Mario Incisa della Rocchetta, che negli anni Venti del Novecento volle impiantare in Maremma - una regione che per il suolo sassoso gli ricordava quella di Graves, a Bordeaux - alcuni vitigni bordolesi per creare un grande vino all'altezza di quelli del Bordeaux. Capì che il più adatto era il Cabernet e da quella scommessa nacque il Sassicaia, che dopo decenni fu messo in commercio. Il successo del Sassicaia, ottenuto a partire dagli anni Ottanta dopo molte sperimentazioni, contribuì alla creazione della DOC Bolgheri, per un'area che fino a quel momento non era nota per la produzione enoica, così come la Maremma stessa. Oggi l'azienda Tenuta San Guido, la quale possiede circa 90 ettari di vigneto nel territorio di Castagneto Carducci ed è gestita ormai da quarant'anni dal figlio del creatore del Sassicaia Nicolò Incisa della Rocchetta, prosegue la tradizione virtuosa del Sassicaia, senza dubbio uno dei vini più prestigiosi e rilevanti nella storia enologica italiana.
Particolare il clima del 2012 per il terroir Sassicaia . Autunno e Inverno rigidi e prolungati, luglio e Agosto molto caldi, ma grazie alla particolare giacitura dei terreni ove insistono i vigneti dell’azienda, la maturazione si è svolta in modo ottimale.

Clima: Del tutto particolare l’andamento climatico del 2012. Autunno e Inverno abbastanza rigidi e prolungati, con ripetute precipitazioni nevose in gennaio, assai rare nella zona. Una condizione climatica ottimale per le piante arboree per le necessità fisiologiche delle piante e anche per l’eliminazione naturale dei parassiti. La primavera è partita in leggero ritardo con inizio del germogliamento con circa 15 giorni di ritardo rispetto alla media. Dalla seconda settimana di Maggio le temperature hanno teso a alzarsi accelerando l’arrivo dell’estate. In metà Giugno alcune piogge si sono rese miracolose per le piante e per le riserve idriche del terreno. Luglio e Agosto sono stati mesi molto caldi, con temperature sopra le medie stagionali. Ma grazie alla particolare giacitura dei terreni ove insistono i vigneti dell’azienda, profondi, freschi, posizionati in collina e circondati dalla macchia mediterranea, non hanno assolutamente risentito dei picchi di calore che specialmente in Agosto si sono fatti maggiormente sentire. Il germogliamento tardivo, venti marini in sede di allegagione e il caldo repentino arrivato a fine primavera hanno ridotto la produzione, facendo sidi garantire una naturale e ottimale distribuzione del carico di uve a pianta, a beneficio di un’ invaiatura e di una successiva maturazione fenolica delle uve che si sono svolte in modo ottimale e senza mai risentire di stress idrici o di eventi di surmaturazione.

Vendemmia: La vendemmia, rigorosamente a mano, è iniziata con le uve di Cabernet Franc, cheper prime hanno raggiunto l’ottima maturazione fenolica, nei primissimi giorni di Settembre, proseguendo con quelle di Cabernet Sauvignon dalla prima decade di Settembre e poi concludersi, con le uve dei vigneti delle alture di Castiglioncello di Bolgheri, tra la fine di Settembre e i primissimi giorni di Ottobre. Uve sane, invaiatura perfetta e assenza di acinellatura hanno consentito un perfetto svolgimento delle operazioni di raccolta.

Vinificazione: Pressatura soffice delle uve e successiva fermentazione in acciaio a temperatura controllata intorno ai 30° - 31°C (senza aggiunta di lieviti esterni), con macerazione media di circa 9-12 giorni sia per il Cabernet F. che per il Cabernet S. Interventi frequenti di rimontaggi dei mosti e délestages. Successiva fermentazione malolattica sempre in acciaio.

Invecchiamento: Al completamento della fermentazione malolattica, il vino viene posto in barrique di rovere francese dove si affina per un periodo di 24 mesi prima dell’imbottigliamento e di una successiva fase di affinamento in vetro prima della commercializzazione.

( Scheda del vino tratta dal sito del produttore : www.tenutasanguido.com )

WIKI

Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.