Reimposta tutto
Cart
zoom

S-CIOPÉT - Pelaverga Spumante Rosé - Castello di Verduno

Produttore Castello di Verduno
Denominazione
Vino Spumante di Qualità VSQ
Vitigni
Pelaverga
Vitigni impiegati per la produzione di questo vino
Annata
n/v (nonvintage)
Formato
75
Tipologia
Spumanti e Champagne
Regione
Piemonte
Informazioni sul produttore
Architettonicamente , il Castello di Verduno ha una storia di oltre 500 anni , essendo stato costruito nel 1.500 , acquistato dai Savoia nel XVII secolo e da Re Carlo Alberto nel 1838 . A Carlo Alberto si deve la prima conversione enologica della Tenuta , quando grazie a famosi enologi del tempo si gettarono le basi della vinificazione del nebbiolo verso la direzione del moderno Barolo. La storia recente della Tenuta inizia nel 1953 , quando Il Commendator Giovanni Battista Burlotto avvia l'attività commerciale nella Tenuta con l'Hotel e la moderna cantina : oltre a Barolo e Barbaresco , alla cantina di Verduno si deve la conservazione e la valorizzazione del vitigno Pelaverga piccolo , del quale l’azienda possiede il primo vigneto in purezza che sia stato impiantato . Oggi l'attività prosegue grazie agli eredi del Commendator Burlotto , che ne continuano sia l'attività recettiva che quella enologica.
E’ uno spumante brut rosè ottenuto al 100% con il vitigno Pelaverga piccolo, vera e propria perla autoctona della zona di Verduno. Vino ottimo come aperitivo o a tutto pasto. S-ciopet è il nome dialettale del fiore selvatico riportato in etichetta

Uve : Pelaverga piccolo

Vigneto di provenienza : sesto impianto 0,90x1,20; altitudine 250m/slm; 4.000 ceppi/Ha; esposizione ovest

Allevamento : guyot

Anno di impianto : 1972

Resa per ettaro : 90q/Ha

Terreno : calcareo-argilloso

Vendemmia : manuale in cassetta con selezione in vigna

Vinificazione : tradizionale

Maturazione : 20 mesi in bottiglia

Affinamento : in vetro

Grado Alcolico : 13,5%

Esame organolettico : Dal colore vivo e brillante, più un tenue rosso rubino che rosato. Al naso le note delicate di spezie, di ciliegia e fragola si amalgamano con sentori più complessi, crosta di pane e frutta secca tostata, dati dalla rifermentazione in bottiglia. In bocca si avverte la struttura data dal Pelaverga e un'ottima freschezza ben bilanciata da una piacevole sapidità. Perlage molto fine e persistente

WIKI

Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.