zoom

Barbaresco DOCG - Castello di Verduno

Produttore Castello di Verduno
Denominazione
Barbaresco DOCG
Vitigni
Nebbiolo
Vitigni impiegati per la produzione di questo vino
Annata
2016
Formato
75
Tipologia
Rossi
Regione
Piemonte
Informazioni sul produttore
Architettonicamente , il Castello di Verduno ha una storia di oltre 500 anni , essendo stato costruito nel 1.500 , acquistato dai Savoia nel XVII secolo e da Re Carlo Alberto nel 1838 . A Carlo Alberto si deve la prima conversione enologica della Tenuta , quando grazie a famosi enologi del tempo si gettarono le basi della vinificazione del nebbiolo verso la direzione del moderno Barolo. La storia recente della Tenuta inizia nel 1953 , quando Il Commendator Giovanni Battista Burlotto avvia l'attività commerciale nella Tenuta con l'Hotel e la moderna cantina : oltre a Barolo e Barbaresco , alla cantina di Verduno si deve la conservazione e la valorizzazione del vitigno Pelaverga piccolo , del quale l’azienda possiede il primo vigneto in purezza che sia stato impiantato . Oggi l'attività prosegue grazie agli eredi del Commendator Burlotto , che ne continuano sia l'attività recettiva che quella enologica.
Questa versione di Barbaresco si compone di una selezione di uve provenienti da vigne situate nelle sottozone Rabajà bass e Faset. Un vino ricco e delicato nella componente aromatica, in perfetto equilibrio tra eleganza ed intensità.

Questa versione di Barbaresco si compone di una selezione di uve provenienti da vigne situate nelle sottozone Rabajà bass e Faset. Un vino ricco e delicato nella componente aromatica, in perfetto equilibrio tra eleganza ed intensità. Un Barbaresco in grado di emozionare e di essere apprezzato per la sua immediata bevibilità e piacevolezza.

Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.