Reimposta tutto
zoom

Amarone della Valpolicella - Acinatico - Accordini Stefano

Produttore Accordini Stefano
Denominazione
Amarone della Valpolicella DOC
Vitigni
Corvina Veronese
Vitigni impiegati per la produzione di questo vino
Rondinella
Vitigni impiegati per la produzione di questo vino
Molinara
Vitigni impiegati per la produzione di questo vino
Annata
2011
Formato
75
Tipologia
Rossi
Regione
Veneto
Informazioni sul produttore
La famiglia Accordini è nel mondo della viticoltura da oltre un secolo , prima come mezzadri poi come proprietari vinificatori e imbottigliatori. Oggi l'azienda è condotta da Stefano Accordini insieme ai figli Tiziano e Daniele. Quest'ultimo cura gli aspetti enologici dei circa 4 ettari di vigneti di Corvina , Rondinella e Corvinone nel comune di Negrar , nel cuore della zona di produzione dell'Amarone della Valpolicella.
L'Amarone Acinatico Accordini si presenta rosso granato profondo. Profumo etereo, evoluto, con sentori di vaniglia che a tratti ricordano il frutto passito. Sapore persistente, morbido, cremoso, pieno con aromi di frutta secca.

Descrizione: l’Amarone della Valpolicella è l’indiscusso Re dei vini veronesi ottenuto in origine dal più antico Recioto divenuto casualmente secco "Amaro"; questa dizione nei primi anni del novecento dà il nome all'Amarone. La caratteristica unica ed inconfondibile di questo vino è l’ottenimento da uve autoctone della Valpolicella da sempre conservate come patrimonio insostituibile quali la Corvina il Corvinone, la Rondinella e la Molinara. Assieme alle varietà, la caratteristica esclusiva di questo vino è l’appassimento delle uve fino a Gennaio – Febbraio, che ne fanno un esempio di vino rosso secco passito affinato in legno. Quando geoclim, vitigni e tecniche di produzione speciali assumono caratteristiche di eccellenza e di esclusività abbiamo un vino di spiccata personalità quale l’Amarone.

Vitigni: Corvina Veronese 75% Rondinella 20% Molinara 5%.

Caratteristiche e collocazione geografica del vigneto: Situato nel cuore della Valpolicella Classica in zona collinare nel comune di Negrar. Altimetria da 200 a 300 mt. s.l.m., esposizione sud – est. Tipologia del terreno molto vario su detriti alluvionali.

Raccolta: la raccolta si è svolta manualmente con eccezionale anticipo il 3 di settembre in condizioni di tempo asciutto e ventilato.

Appassimento: il periodo di appassimento si è condottocon condizioni ideali di temperatura ed umiditàe completatodopo 120 nel fruttaio.

Vinificazione: periodo di pigiatura prima settimana di Gennaio. Pigiatura senza diraspatura delle uve. Temperatura di fermentazione da 12° a 23°. Macerazione di 35 giorni (di cui 15 a freddo). Follature manuali con la frequenza di 2 al giorno. Spostamento in botte a fine maggio. Fermentazione malolattica completa.

Affinamento: in barrique nuove di rovere francese Allier e Never per 24 mesi. Affinamento in bottiglia per 8 mesi.

Stabilizzazione: naturale con solo travasi senza filtrazione.

Consumo: se ben conservato alla temperatura costante di 14-15 °, coricato ed in assenza di luce, può mantenere le sue caratteristiche per 15-20 anni.

Caratteristiche organolettiche

colore: rosso granato profondo;

profumo: etereo, evoluto, con sentori di vaniglia che a tratti ricordano il frutto passito;

sapore: persistente, morbido, cremoso, pieno con aromi di frutta secca.

Metodo di servizio: servire alla temperatura di 18° - 19°C in bicchieri molto grandi “ballon” avendo cura di stappare la bottiglia almeno 2 ore prima.

Gastronomia: si abbina tradizionalmente alla selvaggina, carne alla brace, brasati e formaggi stagionati; viene servito anche fuori pasto nei momenti in cui la conversazione diventa più gradevole.

(Scheda del vino tratta dal sito del produttore: www.accordinistefano.it )

WIKI

Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.