Vino Barolo DOCG - Storia, caratteristiche, produttori, prezzi e vendita online

Storia: Rispetto a tanti altri vini italiani, la cui storia si perde in tempi lontani e si confonde con quella dei vitigni con cui sono prodotti, la storia del Barolo è facilmente circoscrivibile e ha forti identificazioni con il Risorgimento e con il processo di unificazione dell'Italia.

L'influenza delle origini francesi dei Savoia era tale da ripercuotersi in molteplici aspetti della vita sociale: i vini che erano ammessi sulle tavole degli aristocratici erano infatti i grandi vini francesi delle regioni di Bordeaux e Bourgogne, mentre i vitigni locali come il Nebbiolo erano sfruttati per lo più per ottenere vini dolci. Francese fu anche l'enologo, tale Luis Oudart, che prima la Marchesa Faletti di Barolo e poi Camillo Benso Conte di Cavour interpellarono per ottenere dalle uve Nebbiolo locali un vino capace di confrontarsi con i grandi Bordeaux e Bourgogne: Oudart riusci talmente bene nell'intento che il Nebbiolo invecchiato ottenne rapidamente un enorme successo, tanto da indurre anche il Re Vittorio Emanuele II a convertire al nuovo vino i vigneti della sua tenuta di caccia di Fontanafredda. Era nato il "vino dei re", che nell'arco di un secolo sarebbe diventato anche il "re dei vini (italiani)" attraverso tappe di riconoscimenti successivi: nel 1934 la nascita del Consorzio di Tutela del Barolo e del Barbaresco, nel 1966 la Denominazione di Origine Controllata DOC, nel 1980 la Denominazione di origine controllata e garantita DOCG.

Zona di produzione: La produzione del Barolo è limitata a pochi comuni, nel disciplinare se ne contano 12; oltre all'omonimo comune di Barolo, abbiamo Castiglione Falletto, Cherasco, Diano d'Alba, Grinzane Cavour, La Morra, Monforte d'Alba, Novello, Roddi, Serralunga d'Alba e Verduno. In questi lembi di terra, il nebbiolo ha trovato la sua culla migliore grazie ad un microclima fatto di inverni freddi ed estati calde, con terreni collinari compresi fra i 300 e i 500 metri, terreni prevalentemente calcareo-argillosi ed esposizione prevalentemente a sud. La variazione di microclima fra sottozone e fra singoli vigneti hanno fatto sì che le etichette di Barolo siano quasi sempre denominate con il nome dei Crus, come se si trattasse di singole sottodenominazioni de facto: alcuni dei Crus storici del Barolo sono Cannubi, Brunate, Le Coste, Bussia, Bricco Boschis, Romirasco, Ravera.

Vitigni utilizzati per il Barolo: Il principe unico ed indiscusso della DOCG Barolo è il vitigno Nebbiolo, nelle sue varietà Lampia, Michet e Rosè. Si tratta di un'uva ricca di polifenoli destinata a dare vita a vini di grande corpo e struttura, che danno il loro meglio solo se sufficientemente invecchiati. Fu questa la grande intuizione di Luis Odart che abbiamo citato a proposito della storia del Barolo: egli intuì che i Nebbiolo vinificati giovani, come avveniva nella prima metà dell'Ottocento, non arrivavano mai alla corretta fermentazione ed i vini che ne uscivano erano dolci e instabili. Un'altra caratteristica fondamentale del Nebbiolo è quello di far nascere vini fortemente "territoriali": se nei territori piemontesi e in parte lombardi esso dà luogo ad alcuni dei vini fra i più nobili del panorama nazionale ed anche internazionale, come il Barolo DOCG, il Barbaresco DOCG ed in parte anche il Valtellina Superiore DOCG, lontano da questo suo habitat naturale non riesce a dare vita a vini altrettanto importanti.

Proprietà organolettiche: Il colore è rosso granato intensissimo con evidenti riflessi aranciati. Al naso è ampio, complesso e avvolgente, con sentori evidenti di rosa, marmellate, confetture, frutta cotta, ma anche eterei di noce moscata, cannella, pepe nero, liquirizia. Una variegatura di aromi e profumi quasi impossibile da elencare. Nonostante i lunghi anni di affinamento si riescono ancora a percepire noti segni di freschezza. Al palato è armonioso ed equilibrato in tutti i suoi lati: il vino Barolo una volta bevuto è molto difficile da dimenticare.

Quali piatti abbinare al Barolo: il Barolo si abbina perfettamente carni rosse, filetto al pepe, preparazioni con tartufi, formaggi ben stagionati e come dimenticare il brasato al Barolo!

Alcune etichette di Barolo che puoi acquistare nell'enoteca online di Guida-vino.com:

Barolo DOCG - Bussia - Aldo Conterno

bussiaIl Barolo Bussia di Aldo Conterno è prodotto con uve Michet e Lampia selezionate manualmente da diversi vigneti in località Bussia a Monforte d'Alba. Affina 26 mesi in botti di rovere di Slavonia.

Vai al Prodotto

63,00 €
(iva inclusa)

Barolo DOCG - Massera - Castello di Verduno

bottiglia barolo massara verdunoIl Barolo Vigna Massara è di colore rosso rubino brillante dal profumo ampio e balsamico, elegante miscela di frutta e spezie: pepe, confettura, ciliegia sottospirito, timo, geranio, violetta. In bocca tanta freschezza e fine tannino con corpo e lungo finale

Vai al Prodotto

33,40 €
(iva inclusa)

Barolo - Pio Cesare

BAROLOIl Barolo Pio Cesare è un Barolo di stile classico, di corpo ed eleganza, di struttura e armonia, con tannini soffici ed un giusto frutto, austero ma pronto. Di lunghissima vita.

Vai al Prodotto


(iva inclusa)

Barolo Cascina Francia - Giacomo Conterno

barolo_cascinaCascina Francia è il vigneto da cui provengono le uve nebbiolo di Giacomo Conterno, per produrre i barolo Monfortino e Cascina Francia. Il Barolo Cascina Francia affina quattro anni in grandi botti di rovere

Vai al Prodotto


(iva inclusa)

Barolo DOCG - Bricco Viole - Vajra

barolo_bricco_violeBricco Viole è il Cru d'eccellenza di Aldo e Milena Vajra, di colore colore granato con riflessi mattone, profumi di fiori e di frutti. Sapore asciutto, pieno e vellutato.

Vai al Prodotto

64,80 €
(iva inclusa)

Barolo DOCG - Albe - Vajra

barolo_albeIl Barolo Albe Vajra si presenta di colore granato, profumo fruttato e speziato con sentori di ciliegia, iris, violetta, cotognata, lampone. Al palato è equilibrato, sobrio nel tannino e fresco e succoso in chiusura.

Vai al Prodotto

33,60 €
(iva inclusa)

WIKI

Info Vini delle Regioni Italiane

Cantine e Produttori

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.